Modello a cascata

Modello a cascata

Nella progettazione e nella realizzazione software come quella che l’azienda Area Software di Roma si occupa di fare, esistono diversi modelli di sviluppo che si adattano alle situazioni e alle caratteristiche del contesto e delle esigenze di chi desidera utilizzare il nuovo programma.
Tendenzialmente non esiste un modello migliore poiché, come ogni cosa, esiste quello più adatto, infatti spesso si cerca di combinare i diversi modelli tra loro per poterne creare uno specifico e puntuale nella soddisfacimento dei bisogni del cliente.
I modelli di sviluppo vengono suddivisi in tre tipologie: sequenziali, incrementali ed evolutivi.
In ingegneria del software, il modello tradizionale di ciclo di vita è il modello definito ‘’a cascata’’ o ‘’waterfall model’’, ciò che più di tutto caratterizza questo tipo di modello è l’esecuzione lineare di tutti i vari elementi che lo compongono, ogni fase infatti produce un output che funge da input per quella successiva.

Quali sono le principali fasi?

Il modello prevede le seguenti tappe:
lo studio di fattibilità che ha lo scopo di determinare se sia possibile e conveniente sviluppare il sistema in questione dal punto di vista tecnico e/o economico;
l’analisi dei requisiti con lo scopo di determinare le funzioni che il sistema andrà a svolgere e quindi il motivo della sua realizzazione;
la progettazione con lo scopo di trovare i metodi migliori per realizzare i requisiti precedentemente analizzati, individuando già i rapporti tra le parti;
lo sviluppo che ha l’obiettivo di sviluppare ed iniziare a dare forma al programma;
collaudo o test che prevedono la verifica del corretto funzionamento non solo del prodotto finale ma anche dei singoli componenti e di come riescono ad interagire tra di loro nei tempi prefissati;
la manutenzione che comprende tutte le attività che vanno adottate per migliorare e correggere il sistema nel corso del tempo dalla consegna in poi, in modo da mantenerlo in buone condizioni più a lungo possibile.

La sua importanza oggi

Questo è stato il primo modello utilizzato e che oggi è stato quasi del tutto abbandonato, esiste infatti solo come riferimento teorico che ogni sviluppatore deve conoscere e saper realizzare, si tratta infatti di un vero e proprio ‘’canone’’.
Il suo momento di maggior successo coincide con gli anni Settante perché si adattava perfettamente al linguaggio strutturale in uso allora; il limite di tale modello è dovuto dalla sua eccessiva rigidità che rende difficoltosi i miglioramenti e quindi diminuisce l’autonomia del possessore (che non è un esperto).

You might also like