Come indicizzare al meglio il sito di una Startup?

 

Quando si decide di creare un nuovo sito internet, un nuovo blog o un sito di e-commerce, per aumentare il traffico nel proprio portale è necessario mettere in atto delle strategie finalizzate a migliorare la visibilità del sito sull’infinito mondo del web. Un portale, infatti, può essere perfetto e offrire un’esperienza di navigazione inimitabile, ma se nessuno sa che esso esiste, la sua utilità è paragonabile a zero.
È proprio in questo ambito che entra in gioco l’ottimizzazione SEO (Search Engine Optimization), ovvero l’insieme di tutte le misure adottate per migliorare la posizione del proprio sito web quando sui motori di ricerca, porte d’accesso all’universo internet, viene digitata una particolare parola chiave (riconosciuta con il termine keyword). Naturalmente, l’obiettivo è quello di apparire tra i primi risultati nei motori di ricerca.

Il servizio di ottimizzazione SEO, strutturato su più livelli, può essere offerto sia da specifiche aziende dedicate al tema che da freelance, ovvero liberi professionisti.

Ma tra queste due soluzioni, quale scegliere?

Se si compie un mero discorso economico, risulta semplice intuire che il freelance è certamente più economico rispetto a un’azienda, i cui servizi possono richiedere un costo talvolta elevato. Tuttavia, prima di compiere una scelta avventata e selezionare un freelance che ottimizzi il proprio sito internet sul web, ci sono diversi dettagli da tenere in considerazione, i quali potrebbero porre l’azienda su una posizione di vantaggio rispetto al freelance, nonostante il prezzo più elevato.

vi sono freelance preparati e competenti in materia di ottimizzazione SEO, ma vi sono molti liberi professionisti che non sono perfettamente in grado di svolgere le mansioni che vengono attribuite. Per questo motivo, molte volte la scelta di assumere un freelance non offre alcuna garanzia in merito alla sua competenza, e si rischia di sprecare del denaro, anche se poco.
Con l’agenzia, invece, il discorso è diverso: i dipendenti che vengono assunti in un contesto organizzato come quello aziendale devono certamente superare un’attenta selezione, che va ad esaminare non solo titoli di studio e requisiti caratteriali, ma anche e soprattutto le conocenze teoriche e le capacità pratiche del singolo individuo. Per questo motivo, affidarsi a un’azienda operante sul campo da diversi anni rappresenta una garanzia, e assicura l’ottenimento di un risultato certamente soddisfacente.

Se si sceglie un’agenzia SEO strutturata, inoltre, certamente le mansioni vengono affidate a un team, composto da più individui, piuttosto che al singolo (come nel caso del freelance): ciò si traduce con un margine di errore più basso nel caso dell’azienda, in quanto nel team può esserci un confronto e una correzione reciproca, mentre il freelance, operando in autonomia, non può contare sull’aiuto di nessuno.

Infine, ma non per importanza, l’azienda è mediamente più affidabile di un freelance. Infatti, se si decide di richiedere i servizi di un’azienda, certamente vi sarà una sottoscrizione di un contratto che legherà le due parti sino alla fine del progetto; se invece si richiedono i servizi di un freelance, che non viene propriamente assunto, si rischia di pagare una parcella in anticipo per un lavoro incompleto e non soddisfacente.

You might also like