Categoria: Start Up

Come aprire un’attività

Il tuo sogno è quello di riuscire ad avviare una tua attività commerciale, ma non sai come fare? Niente panico! In questo articolo, cercherò di spiegare brevemente quali sono i punti fondamentali da rispettare, al fine di avere successo con la propria attività.

E’ sempre più crescente la fascia di persone che intendono aprire un’attività commerciale, specialmente i giovani, che hanno intenzione di prendere dimestichezza, nel campo dell’imprenditoria. Ma quali sono i passi da compiere? Iniziamo subito.

In questa importante decisione, è necessario innanzitutto, al di là del risultato finale che si ha in mente, che dietro ci sia un’idea chiara e trasparente, dello scopo verso cui, si vuole indirizzare la propria attività. Bisogna inoltre, compiere un’analisi del potenziale economico, che si potrebbe trarre da questa, e individuare le proprie capacità.

L’importanza dei finanziamenti

E’ risaputo, come nella maggior parte dei casi, sia necessario richiedere un finanziamento, per poter aprire un’attività commerciale. Principalmente, esistono due possibili soluzioni:

  • Finanziamenti bancari

  • Finanziamenti pubblici regionali o nazionali

Come già accennato precedentemente, stanno aumentando i giovani, intenzionati ad avviare questo genere di progetti. Molto spesso però, quest’ultimi non hanno una base economica solida alle spalle; questo perché, nella maggior parte dei casi, sono studenti, soprattutto universitari, oppure non hanno ancora un lavoro stabile, fisso. Alcune banche, hanno deciso di andare incontro anche a questa fascia di clienti, proponendo dei finanziamenti, appositi per i giovani.

Sei giovane e necessiti di un finanziamento, per poter aprire la tua attività? Vai a scoprire i vantaggi della tua posizione, e per maggiori informazioni, puoi visitare il sito www.finanziamentipergiovani.it.

Autorizzazioni per l’apertura: ecco come fare

E’ vero, grazie alla liberalizzazione del commercio, ci sono meno ostacoli, per quanto riguarda la possibilità di aprire un’attività commerciale, ma è pur sempre vero, che è di fondamentale importanza, prestare una certa attenzione, per tutto ciò che riguarda la produzione della documentazione, da consegnare agli enti responsabili.

Una delle prime cose richieste, è appunto la SCIA (Segnalazione Commerciale Inizio Attività); con questo documento, il soggetto dichiara di essere in possesso dei giusti requisiti, per l’avanzamento del progetto. La SCIA, consiste in parole pratiche, in un’autocertificazione, e fa parte di una delle autorizzazioni necessarie, per poter aprire un’attività.

La SCIA, si compone di una serie di elementi, tra cui: dati anagrafici del titolare e dell’azienda, allegati sanitari (per esempio, nel caso di attività alimentari), piantina planimetrica riguardante la regolarità dell’immobile e relazione tecnica.

Read Full Article

 

Milano, 7 giugno 2018 – YoAgents (http://yoagents.com), piattaforma web e app per creare reti commerciali “on demand” e “aperte” per la promozione di servizi digitali su internet, chiude un aumento di capitale da 415.000 Euro e arriva sugli store (App Store e Play Store). L’aumento di capitale è stato sottoscritto daAtandia, veicolo di investimento di Enrico Deluchi, ex Amministratore Delegato di Canon Italia; Moffu Labs, network di investitori e business angel focalizzato sulle startup tecnologiche;Boost Heroes, holding di investimenti in aziende nelle prime fasi di sviluppo e ad alto potenziale di scalabilità fondata da Fabio Cannavale e Loris Lanzellotti; 3LB Seed Capital, società guidata da Alberto Emprin, Angel Investor e Innovation Advisor;Lorenzo Dal Verme e Digital Magics.

Grazie a questa operazione YoAgents ha sviluppato e potenziato la tecnologia e il software, lanciato la nuova applicazione (disponibile su App Store e Play Store), ridefinendo e ampliando il modello di business grazie all’offerta di nuove funzionalità.

YoAgents, startup nata proprio all’interno del più importante incubatore di startup digitali “Made in Italy” attivo su tutto il territorio italiano, rappresenta un asset strategico per la crescita delle partecipate di Digital Magics, che detiene attualmente il 63,73% delle quote della società. Le startup hanno infatti l’opportunità di proporre i loro prodotti e servizi avendo a disposizione una rete commerciale nazionale dedicata.

Sono oltre 2000 gli ambassador attivi – agenti, rappresentanti, venditori e giovani talenti commerciali – all’interno della piattaforma di lead generation door to door. Tramite l’app YoAgents possono scegliere i servizi, proporsi, scaricare i materiali di vendita, creare convenzioni con esercizi commerciali (fitness, ho.re.ca., retail, ecc…), visualizzare i compensi maturati e richiederli direttamente.

Le aziende partner di YoAgents – startup e PMI fra cui Restopolitan, Groupalia, Fitprime, Experteasy, Foodscovery – hanno a disposizione su http://yoagents.com una dashboard per gestire la rete di ambassador, visualizzare in tempo reale i risultati delle campagne e il valore generato da YoAgents.

Giuseppe Impellitteri, Partnership Manager di Groupalia, commenta: “Grazie agli ambassador di YoAgents abbiamo stipulato tantissime nuove convenzioni ed è stato un partner ideale per il rilancio di Groupalia”.

Damiano Rossi, Chief Business Development Officer e Co-Founder di Fitprime, ha commentato: “La partnership con YoAgents ci ha permesso con solo un mese di aumentare del 20% l’acquisizione delle palestre”.

L’Amministratore Delegato di YoAgents è Pierluigi Casolari, imprenditore seriale nel settore digital e mobile. Ha fondato nel 2006 Koinup, primo social network in Italia, venduto alla multinazionale Exit Reality. Nel 2012 è stato il fondatore della piattaforma di proximity marketing CheckBonus, entrata nel 2016 nel Gruppo Mediaset.

Pierluigi Casolari, CEO di YoAgents, ha dichiarato: “Ho accolto con entusiasmo questo incarico in YoAgents, che ha un team di 10 persone focalizzato e dinamico e un modello vincente in un segmento fortemente in espansione. La fiducia, che i nostri nuovi investitori e soci ci hanno dimostrato, conferma che YoAgents è un importante strumento di crescita per le startup e le PMI. Grazie a noi potranno creare la loro struttura commerciale e aumentare il loro business”.

Edmondo Sparano, Consigliere e Chief Digital Officer di Digital Magics, dichiara: “Continuiamo a sostenere lo sviluppo di YoAgents, con cui abbiamo aggiunto un altro asset molto importante per il nostro incubatore. Le neoimprese digitali e le piccole medie imprese innovative potranno, grazie a questa piattaforma, proporre i loro servizi su tutto il territorio nazionale tramite la rete commerciale di YoAgents. Diamo il benvenuto a Pierluigi nella nostra squadra: la sua esperienza di oltre 15 anni nel digitale sarà determinante anche per la scalabilità a livello internazionale del nostro progetto, che non solo è strategico per la crescita delle startup di Digital Magics, ma anche dell’intero ecosistema dell’innovazione in Italia”.

Read Full Article

Fra i relatori Luigi De Magistris*, Sindaco di Napoli; Valeria Fascione, Assessore della Regione Campania e Antonio Pescapè, Professore dell’Università degli Studi di Napoli Federico II

 

Apertura lavori 15:30. Per partecipare all’evento: gioin@digitalmagics.com

 

 

Milano/Napoli, 10 maggio 2018 – GIOIN, il primo network in Italia dedicato all’innovazione delle imprese, ritorna con il secondo appuntamento per il 2018 a Napoli, Martedì 15 maggio, e affronta il tema IMPRESA 4.0 all’interno dell’Innovation Hub di Banco di Napoli (Gruppo Intesa Sanpaolo) e Università Federico II.

 

Come costruire un’impresa 4.0? Il Piano industriale del Ministero dello Sviluppo Economico ha dato indicazioni precise e incisive su cosa fare, tenendo conto delle specificità del Made in Italy, lavorando sui punti di debolezza e sostenendo il potenziale del Paese. Bisogna partire dall’innovazione, dalla formazione e dalle competenze digitali per il futuro della nostra economia.

 

GIOIN è un’iniziativa di Digital Magics, il più importante incubatore di startup digitali “Made in Italy” attivo su tutto il territorio Italiano.

I PROTAGONISTI DEL SECONDO EVENTO GIOIN

Dalle 15:30 interverranno: Luigi De Magistris*Sindaco di NapoliValeria Fascione, Assessore all’Innovazione, Startup e Internazionalizzazione Regione CampaniaAntonio Pescapè, Professore Ordinario di Sistemi di Elaborazione delle Informazioni presso il Dipartimento di Ingegneria Elettrica e delle Tecnologie dell’Informazione Università degli Studi di Napoli Federico II; Ruggero Recchioni, Head of Industry Innovation Intesa SanpaoloGiancarlo Tammaro, Responsabile Coordinamento Territoriale Prodotti e Segmenti Direzione Regionale Campania, Basilicata, Calabria e Puglia Intesa SanpaoloAlessandro Lizzi, Director di Deloitte DigitalSimone Marchetti, Digital Supply Chain Sales Development Manager Oracle Italia; Alberto Fioravanti, Fondatore, Presidente e CTO di Digital Magics; Layla Pavone, Consigliere e Chief Innovation Marketing e Communication Officer di Digital Magics e Gennaro Tesone, Partner di Digital Magics.

Dalle 17:15 6 startup presenteranno le loro innovazioni e soluzioni per le imprese 4.0.

PARTNER DEL GIOIN

Main partner del GIOIN per il secondo anno consecutivo è il Gruppo Intesa Sanpaolo che, dopo il successo e l’interesse riscontrato da parte delle aziende nella scorsa edizione, rinnova la collaborazione con Digital Magics. Sono inoltre partner del GIOIN 2018 importanti aziende come il team Officine Innovazione di Deloitte, Cisco, Fastweb, Oracle e SisalPay. Media partner del GIOIN 2018 è il Gruppo 24 ORE.

 

L’OPEN INNOVATION CON DELOITTE

Oltre al GIOIN, Officine Innovazione S.r.l., la startup di Deloitte dedicata all’innovazione e focalizzata sullo sviluppo di soluzioni innovative per le aziende, ha firmato un accordo di partnership sull’Open Innovation con Digital Magics. L’obiettivo è creare una piattaforma collaborativa per supportare le aziende nei loro processi di innovazione e digitalizzazione attraverso l’incontro con le migliori startup innovative italiane – grazie allo scouting sistematico e all’identificazione di progetti sinergici per generare valore aggiunto in termini di efficacia ed efficienza. La prima iniziativa nata da questa partnership è FoodForward – www.food-forward.it  – il primo acceleratore corporate per il FoodTech.

 

GIOIN – OPEN INNOVATION SUMMIT 2018

Il terzo incontro del GIOIN si svolgerà il 6 e il 7 luglio a Saint Vincent e parteciperanno i principali protagonisti del digitale, istituzioni, aziende, investitori, incubatori, startupper che si confronteranno per fare il punto della situazione, in termini evolutivi, di tutto l’ecosistema dell’innovazione italiana.

CHE COS’È IL GIOIN

Il GIOIN è ideato per approfondire le opportunità dell’innovazione aperta di processi, prodotti e servizi, utilizzando le piattaforme tecnologiche, grazie la collaborazione con le startup innovative. Il GIOIN è focalizzato infatti sulla condivisione di esperienze concrete e di “case history”, coinvolgendo imprenditori e startupper che stanno mettendo in pratica il paradigma dell’Open Innovation nei loro settori.

 

GIOIN – Gasperini Italian Open Innovation Network – nasce da un’idea di Enrico Gasperini, Fondatore di Digital Magics e riconosciuto pioniere nell’innovazione, scomparso prematuramente a novembre 2015. GIOIN, in sostanza, offre alle aziende percorsi di informazione, formazione e condivisione per accedere a strumenti di supporto e stimoli per la ricerca di soluzioni non convenzionali, fondamentali per affrontare la sfida dell’innovazione, migliorare i processi industriali, generare valore e ideare nuovi prodotti e servizi, attraverso le startup innovative digitali. Scopo del GIOIN è formare gli Innovation Officer del futuro all’interno delle imprese.

 

Per consultare l’agenda di GIOIN IMPRESA 4.0http://www.gioin.it/it/eventi/impresa-4-0

Per maggiori informazioni e per accreditarsi all’evento del 15 maggio: gioin@digitalmagics.com

 

Technical partner di GIOIN 2018 sono: Talent Garden e Dol.

 

Read Full Article

GREEN ALLEY AWARD 2018: IL CONTRIBUTO DI ERP ITALIA ALLA RICERCA DI STARTUP DELL’ECONOMIA CIRCOLARE

Il Green Alley Award dà il via alla nuova edizione: imprenditori e startup dell’economia circolare hanno la possibilità di presentare le loro idee di business. ERP – European Recycling Platform e Landbell Group, ideatore del Founder’s Award, incoraggiano le giovani imprese a competere con i propri progetti e tecnologie: bando aperto fino al 1° luglio 2018.

Milano, 10 aprile 2018 –  Erp Italia, tra i primi Sistemi Collettivi no profit in Italia in termini di raccolta di rifiuti di apparecchiature elettriche (RAEE) e rifiuti di pile e accumulatori (RPA), è partner italiana del Green Alley Award 2018, concorso europeo per le startup che si occupano di economia circolare.

Il premio si rivolge a tutte le startup e ai giovani imprenditori che abbiano sviluppato un modello di business nelle aree dell’economia circolare digitale, del riciclo e del trattamento dei rifiuti.

Nello specifico, il bando è rivolto a società che stiano per lanciare sul mercato i loro prodotti o servizi, oppure che sono già in fase di crescita o che desiderino espandersi in altri mercati europei. L’unica condizione è che l’idea di business abbia l’obiettivo di soddisfare il concetto di economia circolare e generare risorse dal riciclo.

Il Green Alley Award nasce nel 2014 per volontà di Landbell Group con l’intento di voler valorizzare e incentivare il passaggio a una economia circolare. Founder e startup hanno la possibilità di presentare i loro progetti innovativi. Entro il 1° luglio 2018 è possibile inviare online la richiesta di partecipazione al GAA 2018 tramite il sito web www.green-alley-award.com. Il vincitore verrà proclamato durante la finale di ottobre a Berlino, in occasione della quale dovrà presentare il proprio progetto.

Molte idee per un obiettivo comune: un’economia circolare

 “Siamo felici che il Green Alley Award abbia raggiunto la sua quinta edizione quest’anno”, ha affermato Jan Patrick Schulz, CEO di Landbell Group. L’azienda, attiva a livello mondiale con base a Magonza (Germania), è uno dei principali fornitori di servizi e consulenza per la conformità ambientale e chimica internazionale.

“Negli ultimi anni siamo venuti a conoscenza di tante idee di business innovative ed entusiasmanti che mostrano in un modo speciale come sia possibile costruire gradualmente un’economia circolare in Europa.” In un’economia circolare, il valore dei prodotti, dei materiali e delle risorse deve rimanere all’interno del ciclo economico il più a lungo possibile e, allo stesso tempo, generare meno rifiuti possibile. “Nella nostra attuale economia lineare, non tutti i prodotti vengono riciclati al termine del loro ciclo di vita, sprecando così materiali preziosi”.

“Siamo molto orgogliosi di poter fornire il nostro contributo alla formazione di una cultura europea del riciclo, diffusa e condivisa con comunità locali, enti, associazioni”, aggiunge Umberto Raiteri, CEO di ERP – European Recycling Platform.

“Essere parte integrante di un’importante piattaforma europea ci consente non solo di trasferire ai Produttori i benefici di un’esperienza e di un know-how ampiamente validati in sede internazionale, ma anche di contribuire alla sensibilizzazione dei cittadini e delle istituzioni verso temi di ampio interesse come la tutela ambientale e l’importanza dell’economia circolare”.

Che si tratti di evitare la plastica, dello sviluppo di materiali sostenibili o del molteplice uso dei prodotti, l’economia circolare possiede un enorme potenziale commerciale, sia per i giovani imprenditori che per le startup. Basta guardare la varietà delle idee dei vincitori del GAA degli anni passati. Nel 2017 la startup finlandese Sulapac ha convinto la giuria con un’alternativa sostenibile al packaging di plastica. I due scienziati, Suvi Haimi e Laura Kyllönen, avevano sviluppato un materiale da imballaggio in legno, quindi biodegradabile, ma resistente all’acqua che conservava i vantaggi dell’impermeabilità della plastica. Oggi quel tipo di packaging è utilizzato principalmente nell’industria cosmetica. Un’altra importante innovazione degli scorsi anni è “Breathaboard” di Adaptavate, un’alternativa traspirante e riciclabile al convenzionale cartongesso, oppure l’imballaggio riutilizzabile per spedizioni della startup finlandese RePack.

L’obiettivo del Green Alley Award è quello di riunire i pionieri dell’economia circolare, lavorare insieme sul loro modello di business e, idealmente, farli conoscere a potenziali aziende interessate a progetti innovativi. “Vogliamo offrire agli imprenditori una piattaforma per presentare le loro idee e svilupparle insieme a noi”, afferma Schulz. “I finalisti avranno l’opportunità di avere uno scambio intensivo di idee con i nostri esperti durante i workshop.”

 Come bisogna procedere?

 Le startup e gli imprenditori interessati di tutta Europa devono inviare le proprie idee entro il 1° luglio 2018. Tra tutti gli iscritti, verranno selezionati sei finalisti che parteciperanno al GAA (la comunicazione avverrà a inizio settembre). I finalisti sono invitati a Berlino il 18 ottobre per lavorare sul proprio modello di business in sessioni di incontri individuali con professionisti di LBG ed esperti esterni di economia circolare e startup. Al termine della giornata, i finalisti presenteranno i loro progetti sul palco, in un pitch di 5 minuti, di fronte a una giuria di esperti e a un pubblico internazionale. La giuria è composta dai rappresentanti di Landbell Group ed esperti esterni tra cui Alexis Figeac, ideatore del progetto europeo R2Pi sui modelli di business dell’economia circolare, e Suvi Haimi, CEO e co-fondatore della startup Sulapac, vincitrice del Green Alley Award 2017.

Il vincitore del Green Alley Award 2018 riceverà un premio in denaro di 25.000 €.

 

Informazioni sul Green Alley Award

Il Green Alley Award è il primo concorso per startup e imprenditori nell’economia circolare.

La nostra missione è trasformare l’economia lineare in circolare e rivoluzionare il settore dei rifiuti e del riciclo così come lo conosciamo oggi. Il concorso annuale europeo fu creato nel 2014 da Landbell Group, uno dei principali fornitori di servizi globali, insieme alla pionieristica piattaforma tedesca di crowdfunding Seedmatch. Col tempo si sono aggiunti altri partner: Bethnal Green Ventures, l’acceleratore di business sociale inglese per startup che utilizzano la tecnologia per migliorare la vita delle persone, e R2Pi, un progetto europeo Horizon 2020 sui modelli di business dell’economia circolare.

Per ulteriori informazioni: green-alley-award.com/

 Informazioni su ERP

La European Recycling Platform è stata fondata nel 2002 in risposta all’introduzione della Direttiva dell’Unione europea sui rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche (RAEE). La missione di ERP è garantire l’implementazione efficiente e di alta qualità della direttiva, a vantaggio dei suoi member e dell’ambiente.

Nel giugno 2014, ERP è entrata a far parte di Landbell Group, un fornitore internazionale di servizi e consulenza per la conformità chimica e ambientale. ERP e Landbell Group hanno raccolto più di 7 milioni di tonnellate di imballaggi, più di 3 milioni di tonnellate di rifiuti elettronici e più di 50.000 tonnellate di batterie portatili.

ERP è la prima e unica organizzazione paneuropea operante in Austria, Danimarca, Finlandia, Germania, Irlanda, Israele, Italia, Norvegia, Polonia, Portogallo, Francia, Slovacchia, Spagna, Svezia e Regno Unito. Trasmettendo ai clienti i vantaggi delle operazioni di riciclo multinazionali, ERP ha dato prova di essere la soluzione più competitiva per le aziende nei paesi in cui opera per la conformità di RAEE, pile e imballaggi, nonché per i servizi di ritiro.

Per ulteriori informazioni su ERP, visitare il sito www.erp-recycling.org

European Recycling Platform – ERP Italia

ERP Italia società consortile senza scopo di lucro è un Sistema Collettivo, tra i principali Consorzi RAEE, che si fa carico della gestione a norma dei RAEE (Rifiuti da Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche), degli RPA (Rifiuti da Pile e Accumulatori) e dei rifiuti da pannelli fotovoltaici sull’intero territorio nazionale. ERP assolve agli obblighi di legge in capo ai Produttori per la gestione dei rifiuti di AEE, Pile e accumulatori a scopo di riciclo ai sensi della Direttiva Europea 2012/19/EU recepita in Italia con D.Lgs. 49/2014 per le AEE e del D.Lgs. 188/2008 per Pile e accumulatori. ERP Italia è la filiale italiana di ERP – European Recycling Platform.

Per ulteriori informazioni: www.erp-recycling.it

Informazioni su Landbell Group

Landbell Group è uno dei principali fornitori di servizi e consulenza per la conformità ambientale e chimica internazionale. Dal 1995, l’azienda ha aiutato 25.000 clienti in più di 40 paesi a implementare la loro responsabilità estesa del produttore (EPR) e altri requisiti riguardanti prodotti e imballaggi. Inoltre, Landbell Group supporta i fabbricanti e i commercianti in quanto partner competenti nel cammino verso l’economia circolare. Oltre a 35 sistemi di ritiro per diversi flussi di rifiuti in tutta Europa, fanno parte del portfolio di Landbell Group anche la consulenza e il software.

Per ulteriori informazioni: www.landbell-group.com

Per ulteriori informazioni su ERP, visitare: www.erp-recycling.it

oppure scrivere a: italy@erp-recycling.org

Ufficio stampa:

Aida Partners Ogilvy PR Via Pomponazzi, 9 – Milano – 02.89504650

Francesco Cereda – francesco.cereda@aidapartners.com

Francesco Cereda
Networking & Public Affairs

Aida Partners Ogilvy PR
Socio Sostenitore “Symbola” – Fondazione per le Qualità Italiane
via Pomponazzi, 9 – 20141 – Milano – Italy / tel. +39.02.89504650 – fax +39.02.89511499

Read Full Article

STAYCOOL PREMIATA COME MIGLIORE IDEA DI STARTUP

L’evento finale del progetto “Ecosistema Together” premia la migliore idea di innovazione con un viaggio in Silicon Valley

Roma 10 aprile 2018 – Si è concluso oggi a Roma il progetto “Ecosistema Together” con la premiazione di Staycool, l’idea imprenditoriale per il risparmio energetico scelta come migliore startup tra quelle nate nel corso delle 5 tappe del percorso progettuale.

A Alessandro Benedetti, componente del team vincitore, è andato il premio speciale messo a disposizione da Federmanager: la partecipazione allo Study Tour di Federmanager Academy in Silicon Valley in programma a giugno.

Ecosistema Together è un progetto realizzato da Federmanager Academy, la Management School della Federazione, con la collaborazione di Digital Magics, il più importante incubatore di startup digitali “Made in Italy”, attivo su tutto il territorio Italiano, e patrocinato da Fondirigenti, il Fondo interprofessionale per la formazione dei dirigenti promosso da Confindustria e Federmanager.

Il percorso ha preso l’avvio a Roma nel mese di gennaio e ha toccato, in cinque tappe, tutto il territorio italiano con l’obiettivo di creare un ecosistema virtuoso in cui sviluppare l’innovazione. Una attività intensa di confronto e lavoro qualificato che ha visto protagoniste oltre 20 imprese aderenti a Fondirigenti, più di 20 startup italiane, selezionate da Digital Magics, e tanti manager e professionisti che hanno agito come freelance o a supporto delle stesse aziende e startup.

Per valutare i progetti innovativi che durante i 5 incontri sono nati dalla sinergia tra aziende, startupper e manager, è stata creata una commissione ad hoc composta da Mario Cardoni, Direttore generale di Federmanager, Costanza Patti, Direttore generale di Fondirigenti, Giacomo Gargano, Presidente di Federmanager Roma, Helga Fazion e Federico Mioni, rispettivamente Presidente e Direttore di Federmanager Academy, Layla Pavone, Chief Innovation Marketing e Communication Officer di Digital Magics e Marco Guarna, Partner di Digital Magics Roma.

«Con questo progetto – ha dichiarato Helga Fazion, Presidente di Federmanager Academy – ci eravamo proposti di unire in uno stesso ambito di lavoro giovani startupper e dirigenti in servizio e anche in ricollocazione, per creare una contaminazione positiva».

«Siamo contenti – ha detto ancora Helga Fazion – di aver coinvolto, anche grazie all’assistenza costante e qualificata di Digital Magics, più di 120 persone, circa 25 aziende, e di aver realizzato i 5 eventi in varie aree del Paese, compreso il Sud Italia, a cui si aggiunge questa giornata di chiusura a Roma, in cui vediamo nella stessa sala quei gruppi di interlocutori che si sono confrontati e che oggi sono in competizione per aggiudicarsi il riconoscimento di “migliore idea di innovazione radicale”».

«I risultati delle iniziative strategiche di Fondirigenti, tra le quali rientra Ecosistema Together, – ha dichiarato Carlo Poledrini, Presidente del Fondo sostenitore del progetto – favoriscono l’innovazione e offrono indicazioni sulle aree di fabbisogno utili alla definizione delle future attività di supporto alla managerializzazione delle imprese, con particolare attenzione alle PMI».

«Questo progetto, che si conclude oggi con l’evento finale di un percorso di cinque tappe in tutta Italia per l’in-formazione tra nuova imprenditorialità, manager e aziende, ha riscontrato un grande successo non solo per i risultati in termine di presenze, ma soprattutto per la qualità dei protagonisti» ha dichiarato Marco Gay, Amministratore Delegato di Digital Magics.

«Due delle startup che abbiamo selezionato per Ecosistema Together – ha proseguito ancora Marco Gay – hanno vinto in questi mesi importanti premi e riconoscimenti e durante gli incontri sono stati creati progetti industriali molto interessanti in campo IoT, food, fashion e learning che hanno risposto, in maniere concreta e innovativa, alle esigenze delle imprese partecipanti e aderenti a Fondirigenti, che sono leader nei loro settori di riferimento a livello nazionale e locale. Come Digital Magics, grazie a questa collaborazione con Federmanager Academy, siamo soddisfatti di aver potuto contribuire a creare innovazione aperta alle imprese partner, ed è importante per noi continuare a confrontarci e a portare la cultura dell’innovazione digitale proprio partendo dai territori».

«Abbiamo messo a lavorare insieme sistemi che nella realtà spesso faticano a dialogare. Perciò, grazie a questo progetto, oggi non vince solo la migliore startup, ma vincono tutti: manager, giovani innovatori, imprese – ha affermato il Presidente Federmanager, Stefano Cuzzilla -. Il compito della nostra Organizzazione è quello di garantire competitività e sviluppo al Paese anche facilitando i processi che valorizzano l’incontro tra idee, talenti e competenze. Nell’epoca 4.0 il management svolge un ruolo fondamentale nella costruzione di nuovi ecosistemi».

 

Read Full Article

Milano/Torino/Londra, 20 marzo 2018 – iStarter, l’acceleratore italiano a Londra specializzato nello scale-up internazionale delle migliori realtà imprenditoriali del nostro Paese e Digital Magics, il più importante incubatore di startup digitali “Made in Italy” attivo su tutto il territorio italiano, hanno firmato due accordi strategici finalizzatiall’apertura di due nuove sedi di Digital Magics a Torino a Londra.

DIGITAL MAGICS ISTARTER a Londra rappresenta una nuova opportunità di espansione e, in particolare, di internazionalizzazione delle startup di Digital Magics, grazie al team di iStarter UK: 100 equity partner – imprenditori, manager ed esponenti del mondo della finanza – che hanno l’obiettivo di contribuire al progresso tecnologico e all’innovazione italiani.

Grazie al loro apporto e alle relazioni consolidate con il mondo del venture capital europeo, iStarter UK metterà a disposizione delle startup partecipate di Digital Magics le competenze, le relazioni, network e connessioni indispensabili per accelerarne l’internazionalizzazione.

L’incubatore DIGITAL MAGICS TORINO POWERED BY iStarter selezionerà idee e talenti per affiancarli nella nascita e nel processo di crescita di startup innovative piemontesi, creerà network locali di investitori che vogliano investire in neoimprese digitali, coinvolgerà le aziende del territorio per lanciare programmi di Open Innovation in grado di innovare processi, servizi e prodotti aziendali grazie alla collaborazione con le startup.

L’obiettivo è sviluppare l’ecosistema dell’innovazione in Piemonte e nel Nord Ovest, lanciando ogni anno startup innovative e organizzando eventi, iniziative e incontri business con tutti gli operatori del settore.

L’accordo siglato prevede che iStarter supporti l’espansione in Piemonte attraverso il team operativo di iStarter guidato da Riccardo Ruscalla, consigliere di amministrazione ed equity partner di iStarter. Riccardo Ruscalla è anche COO dell’azienda di famiglia Tubosider, realtà storica del tessuto piemontese nel mondo delle infrastrutture.

Riccardo Ruscalla, consigliere di amministrazione ed equity partner di iStarter e partner di Digital Magics Torino, dichiara: “Questa partnership serve a creare un player di sistema nell’ecosistema dell’innovazione piemontese. Questo accordo nasce con l’idea che la nostra complementarietà ci renderà più forti e siamo convinti che questo spirito di fare squadra saprà contagiare altri capaci attori dell’innovazione piemontese”.

Simone Cimminelli, managing director di iStarter UK, afferma: “Siamo felici di poter lavorare con Digital Magics per aiutare il portafoglio dell’incubatore a guardare all’estero. I mercati esteri sono un’opportunità ed una sfida enorme. Il network di relazioni costruito negli anni da iStarter è una risorsa importante per le realtà determinate a crescere”.

Marco Gay, amministratore delegato di Digital Magics, ha dichiarato: Continua la nostra attenzione allo sviluppo strategico sul territorio in Italia; grazie all’accordo con iStarter diamo il via all’apertura di Digital Magics Torino e con grande soddisfazione iniziamo un percorso di internazionalizzazione a favore delle nostre startup a Londra con l’apertura di Digital Magics iStarter. Questa nuova partnership rappresenta un’importante opportunità di espansione verso i mercati anglosassoni delle nostre partecipate oltreché rafforzare ulteriormente le opportunità di funding. Insieme al nostro nuovo partner strategico vogliamo continuare a sostenere l’innovazione Made in Italy e portarla in tutto il mondo”.

Read Full Article

DIGITAL MAGICS ENTRA NEL CAPITALE SOCIALE DELLA STARTUP TWO HUNDRED,

PORTALE DI EQUITY CROWDFUNDING, CHE DIVENTA UN ASSET STRATEGICO PER SOSTENERE L’INNOVAZIONE ITALIANA

www.200crowd.com

La prima campagna in collaborazione fra la startup FinTech e l’incubatore quotato in Borsa è quella di WeBeers, e-commerce delle birre artigianali, che raggiunge il primo traguardo raccogliendo adesioni per 250.000 Euro

TWO HUNDRED ha chiuso recentemente un round di investimento di 300.000 Euro e da fine 2015 ha raccolto oltre 1,5 milioni di Euro con le sue campagne sulla piattaforma

Milano, 20 dicembre 2017 – Digital Magics, business incubator quotato su AIM Italia di Borsa Italiana (simbolo: DM), entra nel capitale sociale della startup innovativa TWO HUNDREDportale di equity crowdfunding, autorizzato da Consob, che permette a chiunque di investire facilmente in aziende private non quotate.

Oltre ad affiancare i fondatori con i propri servizi di incubazione per la crescita della società, Digital Magics con TWO HUNDRED aggiunge un ulteriore asset strategico per favorire il finanziamento e lo sviluppo delle startup e PMI digitali italiane. La prima collaborazione è la campagna della startup di Digital Magics WeBeers, e-commerce per scoprire le migliori birre artigianali, che ha raccolto adesioni per 250.000 Euro raggiungendo l’obiettivo minimo della raccolta fondi, che proseguirà fino al 31 dicembre: https://200crowd.com/V2/IT/Campaign/details/webeers

Fondata nel 2013 da Matteo Masserdotti (CEO) e Carlo Saccone (CTO) come Tip Ventures, la startup FinTech ha recentemente effettuato un rebranding con il nuovo brand 200 Crowd, e ha chiuso un round di investimento di 300.000 Euro, a cui hanno partecipato importanti business angel, investitori privati e l’incubatore certificato Digital Magics.

Da fine 2015 TWO HUNDRED ha raccolto con le sue campagne oltre 1,5 milioni di Euro – tra cui quelle di BIOGENERA, PMI innovativa che opera nel settore delle biotecnologie farmaceutiche, e di Glassup, startup specializzata nella fabbricazione di smartglasses per la realtà aumentata. Nel 2017 TWO HUNDRED ha registrato il +300% del numero di iscritti al sito e il +350% di investitori attivi.

Il portale di equity crowdfunding www.200crowd.com favorisce l’incontro di investitori professionali, qualificati, retail, business angel e venture capital con aziende non quotate, startup e PMI innovative o piccole medie imprese, garantendo massima trasparenza e velocità grazie a un algoritmo proprietario, qualitativo e quantitativo, che fornisce una valutazione preliminare sulle informazioni del business, manageriali e finanziarie delle società che si candidano per la ricerca di capitali su TWO HUNDRED.

L’obiettivo di TWO HUNDRED è costruire round di investimento strutturati, offrendo agli investitori la possibilità di co-investire nell’innovazione italiana, diversificando il proprio portfolio e favorendo la nascita e la crescita di neoimprese digitali.

L’equity crowdfunding – strumento alternativo per finanziare la crescita di una società tramite la campagna di raccolta fondi online, con una durata e un obiettivo – in Italia ha raggiunto oltre 18 milioni di Euro di capitale di rischio raccolto dall’avvio della legge del 2013, con un tasso di successo del 60% delle campagne e ha registrato una crescita del 152% nel 2017 rispetto al 2016 (Fonte: Osservatorio Crowdinvesting del Politecnico di Milano, novembre 2017).

Matteo Masserdotti, Fondatore e CEO di TWO HUNDRED, ha dichiarato: “L’equity crowdfunding in Italia sta dando ottimi risultati, ma dobbiamo lavorare insieme per garantire la massima professionalità agli investitori, che hanno oggi meno esperienza nel valutare e seguire queste aziende. Sappiamo che il mercato dell’investimento in capitale di rischio in Italia è solo all’inizio e siamo anche coscienti che questo tipo di investimenti è sempre più alla portata di tutti e l’interesse in forte aumento. Grazie alla partnership strategica con Digital Magics lavoreremo per creare un mercato più professionale e liquido per tutti”. 

Gabriele Ronchini, Fondatore e Amministratore Delegato di Digital Magics, dichiara: “Dopo aver lanciato MAGIC WAND, il primo acceleratore FinTech e InsurTech in Italia con 10 importanti operatori del mercato, continuiamo a investire nel settore della finanza, che è in evoluzione a livello mondiale grazie al digitale. Siamo doppiamente soddisfatti di dare il benvenuto a Matteo, Carlo e il loro team nella nostra squadra e di cominciare questa collaborazione con il raggiungimento per la nostra partecipata WeBeers del primo obiettivo della raccolta fondi. TWO HUNDRED non è solo una nostra partecipata, ma diventa un vero e proprio partner per il nostro portfolio e per l’innovazione in Italia”.

Read Full Article

Live streaming dalle ore 14.50 da Napoli per il Premio Nazionale per l’Innovazione 

Si scrive innovazione, ma si legge capacità femminile di fare ricerca e startup. 

Il Premio Nazionale per l’Innovazione fotografa lo stato dell’arte in Italia con un talk promosso da FS Italiane, main partner della 15esima edizione del Premio.

Napoli, 30 novembre 2017 – Prende il via oggi a Napoli il PNI – Premio Nazionale per l’Innovazione promosso dalla rete nazionale degli incubatori di impresa universitari PNICube con la co-partecipazione di FS Italiane per far emergere i migliori progetti di impresa nati nelle università e nei centri di ricerca del nostro Paese.

Si scrive innovazione, ma si legge sempre più capacità femminile di fare ricerca e startup. Oggi più fonti rilevano un fenomeno di moltiplicazione dell’imprenditorialità in rosa legata a esperienze di innovazione. A questa capacità tutta femminile il PNI dedica la sua apertura con un talk promosso da FS Italiane. Una fotografia dello stato dell’arte in Italia tra luci e ombre, attraverso storie e dati.

Appuntamento oggi giovedì 30 novembre nel Complesso Universitario Federico II di San Giovanni a Teduccio a Napoli e in live streaming dalle ore 14.40 sulla Fanpage PNICube (qui il link diretto al video). Sul palco: il direttore centrale brand strategy e comunicazione di Ferrovie dello Stato Italiane Carlotta Ventura, il rettore dell’università degli studi di Napoli L’Orientale Elda Morlicchio, il capo della divisione analisi e ricerca economica territoriale della Banca d’Italia sede di Napoli Paolo Emilio Mistrulli, il direttore generale di Campania New Steel Mariangela Contursi. E alcune delle tante storie di innovazione al femminile emerse in questi anni grazie al PNI: Rossella Tomaiuolo di Kronos DNA (Napoli), Massimiliana Carello di BeonD (Torino), Elena Gaiffi di Laborplay (Sesto Fiorentino) e Carmela Lamacchia di New Gluten World (Foggia). Modera Vera Viola (Il Sole 24 Ore).

FS Italiane è una delle più grandi realtà industriali d’Italia. Conta circa 74.200 donne e uomini (di cui quasi 7.000 all’estero), oltre 8mila treni ogni giorno e 250mila bus/chilometro. FS Italiane trasporta in un anno circa 750 milioni di passeggeri su ferro (600 in Italia, 150 all’estero), 290 milioni su gomma (160 milioni in Italia, 130 all’estero), e 50 milioni di tonnellate di merci. Il network ferroviario è di oltre 24mila chilometri di rete, di cui 1.350 dedicati ai servizi alta velocità.

PNICube è l’Associazione italiana degli incubatori universitari e delle business plan competition regionali, denominate StartCup. Nata nel 2004, ha lo scopo di stimolare la nascita e accompagnare al mercato nuove imprese ad alto contenuto di conoscenza generate dal mondo accademico. Oggi PNICube conta 46 associati tra Università e incubatori accademici e 17 StartCup attive.

Ufficio stampa: Simona Salvi tel 328/6888073 simona.salvi@fattorec.it

Read Full Article

 

Digital Magics Roma, quarta sede aperta dal business incubator quotato sul mercato AIM Italia di Borsa Italiana (simbolo: DM), lancia due nuove startup innovative: Centy, la startup dei centesimi di Euro in grado di trasformarli in moneta virtuale ed Eggup, la startup delle abilità umane per creare o riorganizzare team di lavoro.

CENTY (www.centy.it) ha ideato un contamonete intelligente gestito totalmente da remoto tramite app, per risolvere il problema in tutta Europa delle monete da 1, 2 e 5 centesimi di Euro. La macchina, presente negli aeroporti, centri commerciali e supermercati, grazie all’applicazione di Centy sarà in grado di riconoscere l’utente che, una volta inseriti i centesimi di Euro nel contamonete, sceglierà dove accreditare l’importo calcolato. Potrà quindi convertirlo in moneta elettronica (versandolo sul libretto di risparmio, utilizzandolo per l’acquisto di contenuti come film, musica, applicazioni o donandolo in beneficienza) o trasformarlo in punti, sconti e promozioni (da associare alle carte fedeltà dei supermercati e negozi).

 

EGGUP (www.eggup.net) ha sviluppato una piattaforma digitale per analizzare le soft skills, le competenze trasversali quali attitudini personali, tratti caratteristici della personalità e capacità relazionali, sia a livello individuale, sia a livello di team di lavoro. Il candidato, il dipendente o i componenti di un gruppo di lavoro, devono semplicemente compilare sul sito di Eggup un questionario: le risposte verranno analizzate dall’algoritmo proprietario della startup che elaborerà i risultati e li restituirà attraverso una modalità interattiva, con rappresentazioni grafiche e video.

 

Digital Magics Roma affianca i giovani talenti e neoimprenditori del Lazio e del Centro Italia ed è all’interno di Talent Garden Poste Italiane, campus di coworking nato dall’accordo di Open Innovation fra Poste Italiane e Digital Magics, e di Talent Garden Cinecittà, nel cuore degli Studios di Cinecittà.

QUI COMUNICATO STAMPA

Read Full Article

Nell”ambito del piano strategico 2015-2020, Elior Group continua ad aprire nuovi orizzonti e opportunità per l”innovazione. Tra 24.000 startup identificate a livello globale, 130 hanno superato una selezione preliminare e 40 sono state scelte per lavorare con Elior Group per reiventare un nuovo modello di ristorazione del futuro. Provenienti da tutto il mondo, le 40 startup si sono incontrate nella la sede centrale del gruppo il 20 marzo scorso e avranno il compito di accelerare la trasformazione di Elior e della ristorazione collettiva in generale.  

     (Logo: http://photos.prnewswire.com/prnh/20160411/353501LOGO )

     (Photo: http://mma.prnewswire.com/media/481067/Elior_Group.jpg )

Le 40 startup sono state selezionate in base alle due seguenti tematiche:

  • The catering model of the future (il modello di ristorazione collettiva del futuro)
  • e-Health (sanità in rete)

Nel 2015, il presidente e amministratore delegato di Elior Group Philippe Salle ha creato il programma dedicato all”innovazione culinaria e tecnologica Life[4] (Let”s Imagine Future Experiences). L”obiettivo del Life[4]Start-up Program, il programma internazionale dedicato alle startup, è quello di individuare e promuovere progetti all”avanguardia capaci di imporsi come vere e proprie innovazioni nel settore della ristorazione. Grazie al supporto dato sotto forma di tutoraggio o attraverso l”acquisto di partecipazioni, Elior Group consentirà alle startup di effettuare delle ‘Proof of Concept’ (PoC) nei ristoranti del gruppo per valutare su larga scala la fattibilità delle innovazioni proposte.

Gli ambiti in cui operano le startup selezionate sono tutti correlati alle attività commerciali del gruppo: la ristorazione collettiva e l”insieme dei servizi ad essa legati (digitalizzazione dei punti vendita, miglioramento dell”esperienza dei consumatori, robotizzazione e molto altro). Le startup sono state scelte per la qualità e la fattibilità delle proposte e dei team, con lo scopo di costruire collaborazioni e implementare progetti innovativi nei ristoranti e nei punti vendita del gruppo.

La collaborazione con le startup prevede tre fasi:

1. Identificazione e scoperta dei talenti, mediante una rete e un”organizzazione specifica.   

2. Possibilità di testare le innovazioni nei ristoranti del gruppo. Elior Group sta attualmente lavorando con le seguenti startup europee: GoCater (La Belle Assiette), FoodMeUp, Touch and Play, Never Eat Alone, Rose & Mary, Vitalista, Foodles e PopChef.

3. Sostegno delle startup nella loro espansione a livello mondiale. L”obiettivo del Life[4]Start-up Program, il programma internazionale dedicato alle startup, è quello di individuare e promuovere progetti all”avanguardia capaci di imporsi come vere e proprie innovazioni per il settore della ristorazione collettiva.

Fare clic qui per maggiori informazioni e notizie sui prossimi eventi

————————————————–

PARIGI, March 24, 2017 /PRNewswire/ —

Read Full Article